2 aprile 2015

Recensione: L'anello dei Faitoren di Emily Croy Barker



Titolo: L’anello dei Faitoren
Autrice: Emily Croy Barker
Pagine: 624
Prezzo € 16
Copertina: Brossura con bandelle
Uscita: 11 febbraio 2015




Trama:



E se bastassero poche, enigmatiche parole a trasformare una ragazza molto delusa in una creatura dai poteri eccezionali? Nora Fischer non ha mai pensato di possedere doti straordinarie o di essere destinata a grandi cose. Anzi, da quando il fidanzato l'ha lasciata e la speranza di una promettente carriera universitaria è svanita nel nulla, è convinta di valere ben poco. Finché un giorno, dopo una festa in campagna, si imbatte in una vecchia lapide su cui legge alcuni versi dal significato oscuro. Pochi istanti e Nora stenta a riconoscere il luogo in cui si trovava fino a una attimo prima: davanti a lei si staglia un maestoso palazzo circondato da un parco lussureggiante, e una donna vestita di bianco la accoglie con entusiasmo. Nora non sa ancora di trovarsi al cospetto di Ilissa, la potente regina dei Faitoren. Trascinata in un turbinio di feste, passeggiate a cavallo e cene fastose, coperta di splendidi abiti e gioielli, Nora diventa la donna seducente e irresistibile che ha sempre sognato di essere: la compagna ideale per il bellissimo principe Raclin, che la chiede in sposa. Ma qualcosa stride in quell'universo perfetto. Chi sono le creature spaventose che Nora scorge nottetempo? Sta forse impazzendo o qualcosa di terribile si nasconde dietro le lusinghe di Ilissa? E quell'uomo strambo che dice di essere il mago Auriendel, perché insiste a metterla in guarda dai Faitoren e a volerle insegnare le arti magiche? C'è un pericolosissimo sortilegio da sciogliere, quello dell'anello che Raclin ha messo al dito di Nora.
Un romanzo pieno di amore e crudeltà, per adulti e ragazzi, dove la magia è protagonista assoluta. Una storia che ha l'atmosfera della fiaba classica e il passo epico del fantasy contemporaneo.




Cosa Penso:



Ero un pò titubante su questo libro e pensavo di aver fatto una pessima scelta chiedendolo alla CE, ma dopo le prime 60 pagine mi sono dovuta ricredere.

Nora è una dottoranda in letteratura con una cocente delusione amorosa alle spalle, un giorno parte per partecipare alle nozze di amici a cui parteciperà anche il suo ex. Per non pensare a lui e alla sua nuova fidanzata decide di fare una passeggiata per i sentire delle montagne lì vicino. Passeggiando arriva un pittoresco cimitero, ma anche molto strano, questo luogo si rivelerà essere una porta tra due mondi, il nostro e un altro dove la magia esiste e viene usata da grandi maghi. Ma la nostra Nora non incontra un mago, non si accorge nemmeno di dove sia arrivata, ma in questo luogo bellissimo conosce la altrettanto bellissima Ilissa e i suoi amici, che la invitano a rimanere con loro quella sera. Senza accorgersene Nora passa giorni con i suoi nuovi amici, partecipa a feste, indossa bellissimi abiti, si fidanza con il figlio di Ilissa, Raclin, e lo sposa addirittura. Ma non è tutto oro quello che luccica e Nora capisce in fretta che è tutta un'illusione e Ilissa la sta usando per avere un erede. L'unico che può aiutare Nora a fuggire è il mago Auriendel, che oltre a salvarla le dà la sua protezione in casa sua, ma cosa farà adesso Nora, in un mondo straniero, medievale, e totalmente diverso dal suo?

Come vi dicevo ho trovato le prime pagine noiose, per il semplice fatto che Ilissa crea un mondo troppo perfetto agli occhi di Nora, tanto da renderlo noioso al lettore ma la vera svolta si ha quanto viene salvata, dalle grinfie dei perfidi Faitoren (Ilissa & Co.), dal mio personaggio preferito.
Auriendel è un potentissimo mago, con un caratteraccio che ve lo raccomando, che ha vissuto una vita lunghissima e piena di eventi, tanto piacevoli quanto spiacevoli. ma è il personaggio più carismatico che abbia mai incontrato e lo adoro con tutti i suoi 180 anni XD.

Ma anche Nora non è da meno, seppur nella prima parte è avvolta dalla magia Faitoren, che non le lascia molto margine d'azione, è una ragazza con un gran cervello e piena di coraggio. Si trova in un mondo totalmente diverso dal suo, ne ha già passate parecchie, ma non si perde d'animo e aiuta volentieri sia Auriendel, sia nelle faccende domestiche che in tante altre cose.

Ma cono tantissimi altri personaggi e tanti me ne sono piaciuti, ma quelli che invece ho odiato sono stati proprio Raclin ma, soprattutto Ilissa. Il uso modo di parlare e di porsi mi ha resa subito nervosa ed è uno dei motivi che mi stavano spingendo a mandare al diavolo questa lettura.

Si è rivelato una libro corposo, più di 600 pagine di eventi, magia, nomi, in questo mi ha ricordato molto Il Trono di Spade, infatti un motivo per cui non mi è venuto il mal di testa a leggere tutti quei nomi è proprio dato dal fatto che ormai sono allenata grazie alla serie tv, anche se, lo confesso, il modo di scrivere dell'autrice non è proprio scorrevole e può essere un problema a chi non è abituato.
Il mondo di Auriendel è davvero ben descritto, l'autrice ha fatto un ottimo lavoro secondo me. è pieno di descrizioni, particolari anche insignificanti, e c'è sempre qualcosa da imparare.

L'ho davvero adorato, anche se il fantasy non è un genere che mi attiri molto di questi tempi. Non so perchè ma ce lo vedo bene un film tratto da questo libro, se fatto bene potrebbe essere grandioso, mi immagino già nel cinema con un MAXI-PopCorn godendomi tutta la storia, di nuovo XD.
Detto questo, dategli una possibilità, potreste rimanere piacevolmente sorpresi come è successo a me!

4 commenti:

  1. Sembra una lettura interessante, se l otrovo lo prendo :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piacciono i fantasy allora vai sul sicuro :)

      Elimina
  2. La tua recensione mi incoraggia.. sono bloccata a pagina 60, in tutte queste pagine la storia è confusa °-° sono molto perplessa. Spero che questo sia l'unico scoglio del libro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è stato così, quando finalmente incontra il mago e comincia a prendere coscienza di quello che sta succedendo veramente mi sono sbloccata e mi sono innamorata della storia. Quanto non se ne scendeva la prima parte mamma mia!

      Elimina